Other Free Encyclopedias » Famous Sports Stars » Auto Racing » Alain Prost Biography - Built Reputation In Junior Formulae, High Hopes For Frenchman On French Team, Chronology, Awards And Accomplishments - CONTACT INFORMATION

Alain Prost - Where Is He Now?

team peugeot season engine

Prost tested for the 1994 McLaren team, but decided not to race. He appeared as a commentator for French television and represented Renault in an attempt to secure an F1 engine deal for the manufacturer. Unable to sell the Renault engine to an F1 team, Prost quit the company to work as a consultant for McLaren F1 team. During this time, he was trying to organize his own F1 team, and negotiated a deal with Peugeot to build engines for him from 1998-2000. He purchased the Ligier team, renaming it Prost Grand Prix, but the first Prost chassis, which ran in the 1998 season, proved unreliable. By the next year, the Peugeot engine had become to heavy to be competitive, and Prost had another disappointing season. The 2000 season was an outright disaster. The team's relationship with Peugeot had fallen apart, and Prost ended up running with Ferrari engines, which were not successful. In an attempt to keep the team afloat, Prost sold a share of the team. "Prost as a team owner was not in the same league as Prost the driver," according to GrandPrix.com. The team went into liquidation in January 2002.

Alain Prost - Further Information [next] [back] Alain Prost - Retired With World Record

User Comments

Your email address will be altered so spam harvesting bots can't read it easily.
Hide my email completely instead?

Cancel or

Vote down Vote up

over 4 years ago

Alain, non so se mai ti raggiungerà questo messaggio, spero di si e spero di poterne avere riscontro.
Se ti scrivo puoi immaginare che sei una figura importante nel mio ideale. Ho iniziato da bambino a seguire la F1 dopo il drammatico incidente di Gilles. da allora non posso perdere una corsa. La Ferrari in quegli anni era nelle retrovie e forse tutti noi italiani abbiamo individuato un pilota da tifare. Tu, eri il mio idolo e non puoi immaginare quante ore e ore ho passato a Monza fuori dai cancelli per rubarti una foto o un autografo. A volte ci sono riuscito e il momento più emozionante è stato quando al tavolo del paddok ferrari mi sono potuto avvicinare a te e un meccanico ci ha fatto la foto. Vero che Airton è un mito, vero che le leggende forse sono alimentate dai tragici eventi, vero tutto, ma se qualcuno ha un pò di competenza, non può negare che il migliore eri tu. Sto frequentando ancora Monza, me le corse non sono più come allora. lo scorso anno ho incontrato nel paddok Zermiani e Palazzoli. A Zermiani gli ho detto: ciao, scusa se te lo dico, ma ho grande nostalgia di quando in pit-lane facevi le interviste, i servizi...ho nostalgia di quei tuoi commenti che solo a sentirli facevano venire la pelle d'oca...bei tempi quelli!. Palazzoli, li vicino, mi rispose dicendo con un filo di voce commossa: quei tempi che...non torneranno più. Purtroppo è proprio vero, quei tempi dove potevi vivere direttamente le corse, vedere la fatica, il sudore, sentire le cambiate manuali delle auto...era davvero una grande Formula 1
Ecco Alain, se solo leggerai questo messaggio, mi auguro solo di averti catturato l'attenzione e....come mi piacerebbe incontrarti anche per solo 5 minuti. Oggi ho 43 anni, e la mia cameretta, a casa di mia mamma, è ancora con foto tue e di senna...foto che ho avuto la fortuna di scattarti.
Alain, sei davvero stato il più grande di tutti i tempi.
Un abbraccio, Massimo da Milano